Fotografie per taccuino fotografico
Immagini del Vietnam
Storia dell'Ungheria : la rivoluzione del 1848 e l’Ausgleich
Immagini Ungheria

La Rivoluzione francese e il periodo napoleonico videro la nobiltà ungherese conservarsi fedele alla corona asburgica, dando tuttavia nuovo impulso al nazionalismo magiaro. La crescita del movimento liberale, promossa da uomini quali István Széchenyi, Lajos Kossuth e Lajos Batthyány, s’accompagnò a una grande effervescenza letteraria e culminò in una larga vittoria nelle elezioni per il rinnovo della Dieta del 1847. Inizialmente le autorità austriache sottovalutarono questo risultato, ma l’anno successivo l’ondata insurrezionale scoppiata a Vienna (Rivoluzioni del 1848) le indusse a cedere alle richieste ungheresi, autorizzando la formazione di un esecutivo nazionale guidato da Batthyány.

La legislazione da questi introdotta nel marzo del 1848 troncava di fatto ogni legame di dipendenza dall’Austria per costituire uno stato indipendente dalla marcata identità magiara; tuttavia, le altre componenti etniche del regno (soprattutto quelle romena e croata) si sentirono discriminate e le loro rivendicazioni furono strumentalmente sostenute da Vienna, che nel settembre tentò di ristabilire la sua egemonia con la forza occupando Budapest.

La reazione ungherese diede vita a una strenua resistenza che sfociò nell’aprile 1849 nella proclamazione dell’indipendenza.

Con l’appoggio dello zar Nicola I, nell’estate del 1849 l’imperatore Francesco Giuseppe intervenne contro gli ungheresi e dopo una rapida e sanguinosa campagna stroncò ogni resistenza patriottica. Nell’autunno i capi rivoluzionari furono giustiziati o costretti all’esilio e l’autorità asburgica venne pienamente ripristinata. Negli anni seguenti, l’impegno militare richiesto dalla lotta risorgimentale italiana (Guerre d’indipendenza italiane) indusse comunque Francesco Giuseppe ad adottare un atteggiamento conciliante verso i magiari. Nel 1865 il governo imperiale approvò la prima stesura di una nuova costituzione ungherese, ma prima che il documento fosse completato la Prussia sconfisse l’Austria nella guerra austro-prussiana, rafforzando così la posizione negoziale degli ungheresi.

In seguito alle condizioni del compromesso (Ausgleich) adottato nel marzo del 1867, la corona ungherese fu riconosciuta autonoma da quella imperiale, benché unificata nella persona dello stesso sovrano. La costituzione concesse all’Ungheria sovranità assoluta nella conduzione degli affari interni e parità con l’Austria per le decisioni relative alla difesa nazionale e agli affari esteri. Su questa base, l’8 giugno 1867 l’imperatore Francesco Giuseppe fu incoronato re d’Ungheria nell’ambito del neocostituito impero austroungarico. "Ungheria," Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.
Ricerca personalizzata