Fotografie
La fine della RDT
Fotografie Germania

Dopo che nel 1971 Erich Honecker succedette a Ulbricht alla guida del partito (divenendo in seguito anche presidente del paese dal 1976 al 1989), il regime assunse tratti meno personalistici. Le relazioni tra le due Germanie migliorarono quando il cancelliere della Germania Occidentale Willy Brandt, artefice di una politica di apertura verso l’Est (Ostpolitik), e il primo ministro della RDT Willi Stoph si accordarono per allentare le restrizioni alla circolazione tra la Repubblica Federale e Berlino Ovest e avviarono relazioni diplomatiche tra i rispettivi paesi (Trattato fondamentale, 1972).

 

La crisi che avrebbe portato al crollo del regime comunista prese avvio nel 1989: l’opposizione clandestina, attiva da tempo ma repressa dalla polizia politica, cominciò a venire allo scoperto con manifestazioni di piazza sempre più numerose, anche per effetto dei profondi rivolgimenti che si stavano producendo in Unione Sovietica; quando l’Ungheria decise di concedere ai cittadini tedesco-orientali libero transito al suo confine con l’Austria, subito in migliaia sfruttarono quotidianamente l’opportunità di raggiungere per quella via la Germania Ovest, da sempre disponibile a dare ai rifugiati asilo politico. Le pressioni popolari per una democratizzazione del sistema politico e le richieste di miglioramenti economici crebbero al punto da costringere alle dimissioni Honecker, sostituito da Egon Krenz.

In novembre, durante l’ennesima manifestazione pacifica, alcuni tratti del Muro di Berlino furono abbattuti dalla folla senza che i militari reagissero. Nel frattempo il Partito socialista unificato decise la destituzione da ogni carica di Krenz (dicembre 1989) e acconsentì alla richiesta, avanzata dai gruppi dell’opposizione, di indire libere elezioni per la creazione di una nuova Camera del popolo.

Quest’organo transitorio, eletto nel 1990 e controllato dalle formazioni democratiche favorevoli alla fine del regime comunista, ebbe l’incarico di elaborare disposizioni di legge che permettessero alla Germania Orientale di riunirsi alla Repubblica Federale: la RDT cessò quindi ufficialmente di esistere. La coalizione cristiano-democratica del cancelliere Helmut Kohl riportò una schiacciante vittoria alle prime elezioni unificate svoltesi alla fine dello stesso anno.

La RDT patì fortemente l’integrazione con il mondo occidentale, pagando un duro prezzo in termini di disoccupazione, ristrutturazione radicale della rete di unità produttive (molte delle quali furono chiuse), modernizzazione e adeguamento delle strutture portanti economiche e sociali.

Caduta del Muro di Berlino in 1989
Caduta del Muro di Berlino in 1989. Encarta
Il costo finanziario dell’operazione ricadde sui contribuenti tedesco-occidentali, presso i quali non mancarono di manifestarsi segnali di insofferenza. La situazione andò comunque progressivamente stabilizzandosi, anche se un’equilibrata fusione tra le due Germanie (specialmente quanto a tessuto sociale di base e a un’effettiva integrazione dei sistemi produttivi) a tutt’oggi non si può dire ancora completamente acquisita."Germania," Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.
Ricerca personalizzata