Fotografie - Viaggi - Infos - Regno Unito

Seguire fotografie sui social network

Trasporti e vie di comunicazione del Regno Unito

Fotografie - Regno Unito

16/07/16

Trasporti in Inghilterra

La presenza di numerose insenature lungo la costa e la navigabilità dei fiumi, che hanno consentito la costruzione di funzionali centri portuali, hanno contribuito a fare del Regno Unito una potenza marittima. Gli Atti di navigazione del XVII e XVIII secolo furono emanati per favorire al massimo le navi inglesi nel trasporto di prodotti nazionali. Con le vittorie navali sulla Spagna e la Francia, le principali rivali nel commercio mondiale, l’Inghilterra si assicurò il controllo dei mari e la preminenza mondiale della sua flotta mercantile. La sua leadership durò fino alla seconda guerra mondiale, quando la distruzione della flotta britannica e la crescita della capacità produttiva dei cantieri navali statunitensi permisero alla marina mercantile americana di superare quella britannica, la cui importanza ha da allora conosciuto un ulteriore declino. Oggi i principali porti britannici sono Londra, Tees e Hartlepool, Grimsby e Immingham, Sullom Voe, Milford Haven, Southampton, Liverpool, Felixstowe, Forth, Dover e Portsmouth. Nelle isole Shetland e Orcadi hanno sede porti a servizio dell’industria petrolifera.

Modi di trasporto

Tower Bridge, Londra
Tower Bridge, Londra. Encarta

Navigazione sui fiumi d'Inghilterra

Vi sono oggi nel Regno Unito circa 3.200 km di canali e fiumi navigabili alcuni dei quali, costruiti nel XVIII secolo, rappresentano ancora importanti vie di comunicazione: tra questi, il canale di Manchester e il canale di Caledonia, nella Scozia settentrionale, che consente collegamenti tra l’oceano Atlantico e il Mare del Nord.

La ferrovia

Nel Regno Unito fu inaugurata nel 1825 la prima ferrovia del mondo percorsa da treni a vapore, la Stockton and Darlington Railway. Nel 1923 la rete ferroviaria del paese era gestita da quattro compagnie, che furono nazionalizzate nel 1948, mentre nel 1955 fu avviato un programma di modernizzazione. Oggi le ferrovie, gestite dalla compagnia Railtrack, recentemente privatizzata, dispongono di una rete di 16.208 km, di cui circa il 30% elettrificato. A questi si aggiungono i circa 400 km della rete metropolitana londinese che si sta estendendo con la costruzione di nuove linee nella parte orientale e sudorientale della città.

Il progetto per la costruzione di un tunnel sotto la Manica risale all’inizio del XIX secolo. Ripresi nel 1957 e nuovamente interrotti nel 1973 per ragioni finanziarie, i lavori ricominciarono definitivamente nel 1987 e un primo tunnel di servizio venne completato nel 1990. Il tunnel (chiamato Eurotunnel), lungo 50,4 km e situato a 40 m sotto il livello del mare, collega Folkestone, in Inghilterra, a Calais, in Francia. È stato ufficialmente inaugurato il 6 maggio 1994.

Trasporto aereo

Per quanto riguarda i collegamenti aerei la British Airways è una delle principali compagnie aree del mondo. Nel 1976, con Air France, British Airways inaugurò il primo servizio passeggeri che utilizza il Concorde; l’aereo fu in servizio fino al 2001. Oltre alla compagnia area nazionale, vi sono nel Regno Unito molti operatori indipendenti.

I due principali aeroporti londinesi, Heathrow e Gatwick, sono tra i maggiori centri del traffico aereo internazionale. Il Regno Unito dispone di 387.674 km di strade, tra cui 3.716 km di autostrade. "Regno Unito" Origine : e Encarta.