Fotografie
Storia della Thailandia
Fotografie Thailandia

Genti del ceppo thai, originarie della Cina occidentale, penetrarono nello Yunnan nel II o nel I secolo a.C. Nel disordine seguito al crollo della dinastia Han nel 220 d.C., fondarono il regno di Nan Chao, che durò sino alla sua conquista da parte dell’impero mongolo intorno alla metà del XIII secolo. Prima della conquista mongola, i thai intrapresero una migrazione verso sud, che li condusse sino alla penisola malese e alla Cambogia, esponendoli all’influenza della religione buddhista. Alla fine del XIII secolo, sotto Rama Kamheng, fondarono il regno di Sukhothai. Chiang Mai divenne la capitale del regno indipendente settentrionale di Lanna Thai.

 

Nel 1350 venne fondato il regno di Ayutthaya (o del Siam), che nel 1431 conquistò il vicino regno khmer di Angkor e nel 1438 assorbì il regno di Sukhothai. Il buddhismo Theravada divenne il credo dominante. Le ricchezze del regno attrassero mercanti asiatici e, a partire dal XVI secolo, portoghesi, olandesi, inglesi, spagnoli e francesi. Entrato più volte in conflitto con cambogiani e birmani, il regno conservò a lungo la propria indipendenza e nel XVII secolo stabilì relazioni diplomatiche con la Francia.

Nel 1767 il regno di Ayutthaya fu conquistato dai birmani. Il dominio birmano ebbe tuttavia vita breve, concludendosi con una rivolta thai guidata dal generale Pya Taksin, il quale si proclamò sovrano e fece della città di Thon Buri la sua capitale.

A Pya Taksin succedette nel 1782 Pya Chakri, che si proclamò re con il nome di Rama I. Fondatore della dinastia Chakri, Rama I promosse la riorganizzazione dello stato e la rinascita della cultura thai. Nel 1826, grazie a un accordo commerciale, la Corona britannica ottenne considerevoli privilegi, stabilendo una forte influenza sul Siam perdurata fino agli inizi del XX secolo.

Grazie all’abilità dei suoi governanti, il paese non conobbe la colonizzazione. Il re Rama IV, che regnò dal 1851 al 1868, avviò la modernizzazione del paese con l’aiuto di consiglieri europei. Il figlio Chulalongkorn, salito al trono con il nome di Rama V, rinforzò lo stato creando solide élite amministrative e militari, riuscendo a mantenere il paese indipendente, sebbene al costo di cospicue concessioni territoriali. Tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo Rama V fu infatti costretto a cedere alla Francia e alla Gran Bretagna i possedimenti cambogiani e laotiani e gli stati malesi vassalli.

"Thailandia," Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.

Prasat Hin Phimai
Prasat Hin Phimai. Encarta
Ricerca personalizzata