Fotografie
Arte dell'India : stile indoislamico
Fotografie India

Giunta in India nel XIII secolo con i primi conquistatori musulmani, l’architettura islamica perse ben presto la sua purezza e assorbì elementi locali come i cortili cinti da colonnati, i balconi sorretti da mensole e, soprattutto, l’ornamentazione. L’Islam, a sua volta, introdusse in India la cupola, l’arco a tutto sesto, i motivi geometrici, i mosaici e i minareti. Nonostante marcate differenze concettuali, l’architettura indiana e quella musulmana giunsero a una sintesi armoniosa manifesta soprattutto in alcuni stili regionali.

 

Lo stile indoislamico si divide in tre fasi: pashtun, “provinciale”, e moghul. Tra gli esempi dello stile pashtun vi sono le costruzioni in pietra di Ahmadabad, nel Gujarat, e quelle in mattoni di Gaur-Pandua nel Bengala Occidentale, strutture assai prossime ai modelli indù, ma più semplici e prive di sculture antropomorfe. Altri monumenti celebri sono il mausoleo di Gol Gumbaz (XVII secolo) a Bijapur nel Karnataka, la cui cupola misura 43 m di diametro, e la torre in marmo e pietra, alta cinque piani, nota come Minareto Qutb (XII secolo), nei pressi di Delhi.

Lo stile provinciale, che si opponeva allo stile imperiale di Delhi, si espresse più significativamente nel Gujarat, dove per quasi due secoli, fino a quando nel 1572 l’imperatore Akbar conquistò la regione, le dinastie che si succedettero eressero numerosi monumenti.

Nella capitale, Ahmadabad, sorge la moschea Jami Masjid (1423), unica in tutta l’India perché, nonostante l’ispirazione islamica, presenta decorazioni tipicamente indù.

Durante il periodo moghul, che ebbe il suo massimo splendore nel XVII secolo, divenne frequente l’utilizzazione del marmo, come nel caso del Taj Mahal di Agra, nell’Uttar Pradesh. Questo elegante mausoleo in marmo bianco, coperto da una cupola e intarsiato di pietre preziose, che si innalza su una piattaforma delimitata da quattro esili minareti, fu fatto costruire (1631-1653) dall’imperatore Shah Jahan come tomba per la sua amatissima moglie.

Altri famosi monumenti Moghul sono la Moschea delle Perle ad Agra, i palazzi fortezza di Agra e Delhi (Forte Rosso), le grandi moschee di Delhi e Lahore (ora in Pakistan), il famoso osservatorio astronomico Jantar Mantar di Jaipur costruito dal maharaja Jai Singh II (1686-1743).

Taj Mahal, Agra
Taj Mahal, Agra. Encarta
Stili moderni

A partire dal XVIII secolo l’architettura indiana continuò a riprodurre le forme tradizionali, ma si ispirò anche ai modelli europei introdotti dai britannici, soprattutto per edifici pubblici, industrie e alberghi. La città di New Delhi fu interamente progettata in stile neoclassico da architetti britannici negli anni 1912-1929. Uno fra i non pochi esempi di progettazione architettonica occidentale commissionati dal governo indiano è la città di Chandigarh, realizzata dall’architetto franco-svizzero Le Corbusier in collaborazione con altri colleghi indiani. La moderna architettura indiana ha assimilato anche altri stili occidentali, sempre adattandoli alle tradizioni e alle necessità locali. "India," Microsoft® Encarta

Bijapur, India
Bijapur, India. Encarta
Ricerca personalizzata