Fotografie per taccuino fotografico
Immagini del Vietnam
Storia del Vietnam : Il “rinnovamento” e rallentamento delle riforme
Immagini Vietnam

Nel 1986, alla morte di Le Duan, una generazione di quadri favorevoli alle riforme conquistò la guida del Partito comunista e lanciò la politica del dôi moi (“rinnovamento”), basata sul modello della perestrojka di Michail Gorbaciov. Il processo subì un’accelerazione nel 1988, quando, dopo l’emarginazione dei quadri più conservatori del partito, il paese si aprì agli investimenti esteri e favorì lo sviluppo dell’impresa familiare, decollettivizzando l’agricoltura. La crisi del comunismo in Unione Sovietica e la conseguente riduzione degli aiuti diedero un ulteriore impulso alle riforme economiche e all’apertura internazionale del paese. Il Vietnam stabilì relazioni economiche con Taiwan, con la Corea del Sud, con il Giappone e con alcuni paesi occidentali. Il ritiro delle truppe dalla Cambogia nel 1989 gli consentì inoltre di uscire dall’isolamento internazionale e di ristabilire normali rapporti diplomatici con molti paesi europei e asiatici.

La nuova Costituzione, adottata nel 1992, rinforzò il ruolo centrale del Partito comunista. La leadership vietnamita rassicurò tuttavia gli investitori stranieri con l’introduzione di riforme rivolte a ridurre il peso dello stato nell’economia. Fu infatti avviata la privatizzazione delle imprese statali (ma il settore pubblico, costituito da migliaia di aziende, conservò una grande importanza), incoraggiata la creazione di imprese private e fu introdotto il possesso privato della terra (ma non la proprietà). In pochi anni il Vietnam riportò significativi risultati economici, riuscendo anche a ridurre fortemente l’inflazione; con la rimozione dell’embargo da parte degli Stati Uniti, nel 1994 il paese poté inoltre accedere ai crediti del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale. Nel 1995 le relazioni tra Washington e Hanoi furono completamente ripristinate. Nello stesso anno il Vietnam entrò a far parte dell’Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN), diventando uno dei paesi più sviluppati della regione.

La normalizzazione delle relazioni con la Cina, avviata nel 1991, procedette tra molte difficoltà, a causa della disputa per il possesso per le isole Spratly e Paracel, nel mar Cinese meridionale, di grande importanza economica (per la presenza di giacimenti di idrocarburi) e strategica (per il controllo del traffico marittimo tra Medio ed Estremo Oriente). La lotta tra riformatori e conservatori in seno al Partito comunista rallentò il processo di riforma economica, inficiata inoltre da un aumento della corruzione negli apparati politici e pubblici e da innumerevoli scandali finanziari. Nel 1997 i riformisti Trân Duc Luong e Phan Van Khai vennero nominati rispettivamente alla guida dello stato e del governo, mentre quella del partito venne assunta dal conservatore Lê Kha Phieu, ostile all’estensione delle riforme.

Battaglia in Vietnam
Battaglia in Vietnam

Grazie al controllo statale di molti settori strategici dell’economia, il Vietnam venne risparmiato dalla crisi finanziaria che nella seconda metà degli anni Novanta colpì i mercati asiatici; ma ne venne coinvolto in seguito, allorché diminuirono gli investimenti stranieri e le esportazioni verso gli altri paesi della regione. Nel 1997 la rivolta nelle province di Thai Binh e Dong Hoi riportò l’attenzione sulla condizione delle popolazioni rurali e sulla corruzione. Anche le riforme segnarono il passo; nel 1999 il generale Trân Dô, un esponente della vecchia guardia diventato leader di un movimento riformista, venne cacciato dal Partito comunista.

Nel 1999, gli accordi di delimitazione della frontiera terrestre firmati con Pechino suscitarono forti proteste da parte dei settori più nazionalisti, che ritenevano eccessive le concessioni territoriali fatte alla Cina. Con la ripresa delle esportazioni, la situazione economica del paese migliorò, ma rimase profondo il fossato tra il Sud, più sviluppato, e il Nord, dove la principale fonte di reddito per molti milioni di persone consisteva ancora in un’agricoltura di mera sussistenza, resa inoltre problematica dalla devastazione ambientale provocata dall’uso di armi chimiche da parte degli Stati Uniti durante la guerra e dalle ripetute inondazioni. "Vietnam" Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2008 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.

Ricerca personalizzata