Fotografie per taccuino fotografico
Immagini del Vietnam
Problemi e tutela dell’ambiente in Nuova Zelanda
Immagini Nuova Zelanda

La Nuova Zelanda è caratterizzata da una notevole biodiversità e la maggior parte delle specie vegetali sono endemiche. Le risorse naturali, in passato molto abbondanti, vennero sottoposte a un intenso sfruttamento fin dall’arrivo, nel IX secolo, dei primi coloni, i maori che nel corso dei secoli, insieme agli europei, contribuirono al declino di molte specie. Le grandi foreste di pini kauri vennero incendiate per far posto ai pascoli e molte specie di animali, come il moa, un uccello gigante simile allo struzzo, si estinsero. La foresta copre oggi il 30,7% della superficie totale del paese, ed è composta in gran parte di palme, felci arboree e conifere.

Nel 1987 l’amministrazione dei programmi di conservazione ha riunito un certo numero di zone protette in un sistema più efficiente e ha notevolmente ampliato la loro estensione. Il 19,6% (2007) del territorio è protetto, essendo posto sotto la tutela di diversi parchi nazionali e di numerose altre riserve; tra i principali parchi nazionali ricordiamo il Tongariro, World Heritage Site dal 1990 e il Fiordland. Il governo della Nuova Zelanda cerca di garantire un uso sostenibile delle risorse naturali, coinvolgendo nelle decisioni anche i maori e gli iwi.

Le minacce più gravi all’ecologia della Nuova Zelanda vengono dalle specie importate. Sono stati introdotti circa 2.000 animali non originari, fra cui almeno 30 specie di uccelli, 20 specie di mammiferi, alcune specie di insetti europee come vespe e bombi. Gli animali introdotti che creano più problemi sono gli opossum e le capre selvatiche.

Le piante non originarie tendono a sovrastare quelle indigene: in alcune zone le conifere sono particolarmente invasive e fanno rapidamente scomparire la flora indigena.

La Nuova Zelanda si è attivata dal punto di vista ambientale nell’oceano Pacifico meridionale, essendo firmataria di diversi importanti accordi sulla conservazione, che riguardano soprattutto gli habitat marini. Fra gli altri accordi ambientali internazionali ratificati vi sono quelli relativi al Protocollo Ambientale Antartico, al Trattato Antartico, alla biodiversità, al cambiamento del clima, alle specie in via d’estinzione, alle modifiche dell’ambiente, ai rifiuti pericolosi, allo scarico dei rifiuti in mare, all’eliminazione dei test nucleari, alla protezione dell’ozonosfera, al Trattato per il

Vulcano della Nuova Zelanda
Vulcano della Nuova Zelanda. Encarta
legname tropicale del 1983, alle zone umide e alla caccia alla balena. "Nuova Zelanda," Microsoft® Encarta
Ricerca personalizzata