Fotografie per taccuino fotografico
Immagini del Vietnam
Storia dell'Inghilterra : I primi Stuart
Immagini Inghilterra

Estintasi la dinastia Tudor con la morte di Elisabetta, salì al trono inglese il re scozzese Giacomo VI, con il nome di Giacomo I, che regnò dal 1603 al 1625, e unificò per la prima volta le corone di Inghilterra, Scozia e Irlanda. Durante il suo regno prese avvio un secolo di conflitti interni, dovuti perlopiù ai problemi ereditati dal regno precedente. I puritani, protestanti estremisti, nutrivano una crescente insoddisfazione nei confronti della Chiesa anglicana, che ritenevano ancora troppo impregnata di cattolicesimo. L’inquietudine religiosa raggiunse il culmine nel 1633, quando l’antipuritano William Laud fu nominato arcivescovo di Canterbury; in precedenza la Congiura delle polveri, un attentato cattolico contro il Parlamento e il re (1605), aveva già confermato i timori di una restaurazione cattolica.

Il figlio di Giacomo I, Carlo I (che regnò dal 1625 al 1649) inasprì il conflitto con il Parlamento, orientando la politica della corona in senso ancor più assolutista; il Parlamento rivendicò la propria indipendenza e, nel 1628, ottenne la Petition of Right, che ribadì il controllo parlamentare sulle tasse. Tuttavia, dal 1629 al 1640, il sovrano tentò di governare senza il Parlamento e di ottenere denaro imponendo tasse straordinarie. Nel 1637 il tentativo di Carlo di imporre in Scozia l’anglicanesimo provocò una rivolta. Il re fu costretto a convocare il Parlamento (1640).

Quest’ultimo, noto come Parlamento Lungo, approfittò della situazione per prendere il controllo del governo; fece liberare i prigionieri politici e giustiziare Laud, abolì i tribunali ecclesiastici, limitò il potere del re d’imporre tasse e stabilì che le sedute parlamentari dovessero aver luogo ogni tre anni.

Su altri provvedimenti (quali l’abolizione della carica di vescovo) il Parlamento era diviso, una situazione accentuata dal tentativo di Carlo di arrestare alcuni deputati, da lui accusati di cospirazione. Fallito questo tentativo, il re si ritirò in Parlamento con i suoi sostenitori, detti cavalieri. I restanti deputati, puritani (soprannominati Roundheads, “Teste rotonde”), chiamarono il popolo alle armi, e Carlo riunì il suo esercito.

Grazie all’appoggio degli scozzesi e, soprattutto, grazie all’abile guida di Oliver Cromwell, le Teste rotonde vinsero la guerra civile inglese. Carlo, che si era arreso agli scozzesi nel 1646, venne consegnato alle Teste rotonde nel 1647, ma riuscì a fuggire e a stringere un patto con gli scozzesi, dando avvio alla seconda fase della guerra civile (1648). Cromwell vinse nuovamente, epurò il Parlamento, che prese allora il nome di Rump Parliament, e processò il re, facendolo giustiziare il 30 gennaio 1649. Il Parlamento abolì la monarchia e la Camera dei Lord, dichiarando l’Inghilterra un Commonwealth. "Inghlterra," Microsoft® Encarta
Ricerca personalizzata