Fotografie
Storia giapponese : Prima epoca Showa (1926-1945) e seconda guerra mondiale
Fotografie Giappone

Nel 1926 Hirohito, figlio di Taisho, salì al trono imperiale, scegliendo per il suo regno la denominazione Showa (“pace illuminata”); quando Tanaka Giichi divenne primo ministro nel 1927, egli dichiarò tuttavia la ripresa della politica aggressiva verso la Cina. La ragione fondamentale di questo mutamento politico era nella necessità di nuovi mercati, conseguenza dell’aumento della produzione industriale giapponese. L’espansione veniva inoltre giustificata con la necessità di nuovi spazi per la popolazione giapponese, raddoppiata dal 1868 e impoverita dalla crisi del 1929 che aveva portato, fra l’altro, al crollo del mercato della seta.

 

Nei tardi anni Venti il Giappone finì per dominare l’amministrazione e l’economia della Manciuria, provocando la reazione della Cina. Il 18 settembre 1931, nel Guangdong, l’esercito giapponese, adducendo come pretesto un sabotaggio da parte della Cina alla ferrovia nipponica della Manciuria meridionale, occupò gli arsenali di Shenyang (Mukden), obbligando le truppe cinesi a ritirarsi dalla zona, ed estese il controllo su tutta la Manciuria, dove fu istituito lo stato fantoccio del Manciukuo.

L’episodio diede luogo a un’inchiesta condotta da una commissione della Società delle Nazioni, autorizzata in base al patto Briand-Kellogg. Nel 1933, alla richiesta di cessare le ostilità in Cina, il Giappone rispose annunciando l’abbandono della Società delle Nazioni (1935). Nel nord della Manciuria l’esercito riuscì ad annettere la provincia di Chengde (Jehol) e minacciò di occupare le città di Pechino e Tianjin. Nel maggio del 1933, la Cina fu costretta a riconoscere la conquista giapponese e a firmare una tregua.

L’azione marcatamente autonoma dell’esercito era indicativa del potere politico dei militari. Nel 1936 l’impero sottoscrisse un accordo anticomunista con la Germania, seguito un anno dopo da un patto analogo con l’Italia.

Il 7 luglio del 1937 un incidente militare nei pressi di Pechino portò a una nuova guerra cino-giapponese, mai formalmente dichiarata. Entro la fine del 1937, la marina nipponica pose un blocco lungo quasi tutta la linea costiera cinese. Dopo che per tutto il 1937 e il 1938 l’esercito giapponese era avanzato nella Cina orientale e meridionale, alla fine del 1938 la guerra raggiunse una fase di stallo.

L’inizio della seconda guerra mondiale in Europa, nel settembre del 1939, offrì al Giappone nuove opportunità di espansione nel Sud-Est asiatico. L’invasione dell’Indocina francese suscitò l’ostilità degli Stati Uniti, che posero l’embargo sul Giappone. Nel settembre del 1940 l’impero stipulò un’alleanza tripartita con la Germania e l’Italia. Esattamente un anno dopo firmò un patto di neutralità con l’URSS, proteggendo in tal modo il confine settentrionale della Manciuria.

Il 7 dicembre del 1941, mentre erano ancora in corso negoziati diplomatici tra Stati Uniti e Giappone, quest’ultimo sferrò senza preavviso un attacco aereo contro Pearl Harbor (Hawaii), la principale base navale americana nel Pacifico. Gli Stati Uniti, insieme alle altre potenze alleate

Attacco a Pearl Harbor
Attacco a Pearl Harbor. Encarta
eccetto l’Unione Sovietica, dichiararono allora guerra al Giappone. Mentre l’esercito nipponico sferrava attacchi e occupava un numero sempre maggiore di territori nel Sud-Est asiatico, il conflitto fra statunitensi e giapponesi diventò una guerra navale per il controllo del Pacifico. Nel 1942 la flotta giapponese subì due sconfitte da parte degli Alleati nella battaglia del mar dei Coralli e nella battaglia delle Midway.

I territori conquistati dal Giappone furono ripresi uno a uno dagli statunitensi, che nel 1944 diedero inizio a una serie di bombardamenti sul territorio nipponico, conquistando all’inizio del 1945 la base aerea di Iwo Jima. Gli attacchi aerei culminarono, il 6 agosto del 1945, nel lancio della prima bomba atomica sulla città di Hiroshima. Due giorni dopo, anche l’Unione Sovietica dichiarò guerra al Giappone, e il 9 agosto una seconda bomba atomica venne lanciata su Nagasaki. Alla conferenza di Potsdam le potenze alleate avevano convenuto di accettare dal governo giapponese unicamente una resa incondizionata. Il 14 agosto il Giappone accettò le condizioni degli Alleati e il 2 settembre firmò la resa formale.

La Mongolia interna, la Manciuria, Taiwan e Hainan furono restituite alla Cina. L’Unione Sovietica, a titolo di occupazione, mantenne le isole Curili e Karafuto (che tornò a chiamarsi Sahalin), oltre ad alcuni territori della Mongolia. Port Arthur e la ferrovia della Manciuria Meridionale furono posti sotto il controllo congiunto dell’URSS e della Cina. Tutte le isole che il Giappone deteneva a titolo di mandati nel Pacifico meridionale vennero occupate dagli Stati Uniti in amministrazione fiduciaria per conto dell’ONU.

imperatore giapponese Hirohito
imperatore giapponese Hirohito. Encarta
Alcuni comandanti giapponesi vennero processati per crimini di guerra da un tribunale di undici nazioni, che si riunì a Tokyo fra il 3 maggio 1946 e il 12 novembre 1948. "Giappone," Microsoft® Encarta
Ricerca personalizzata