Fotografie per taccuino fotografico
La popolazione indonesiana
Immagini Iran

L’Indonesia è abitata da popolazioni appartenenti a più di 300 etnie, la maggior parte delle quali si può suddividere in due grandi gruppi: i protomalesi (che invasero l’arcipelago in epoca più antica e conservano usanze primitive) e i deuteromalesi (di insediamento più recente, accomunati dalla comune lingua malese e dalla religione musulmana). La popolazione delle isole orientali è invece di ascendenza prevalentemente melanesiana (vedi Melanesia). Importanti gruppi etnici sono i batak e i minangkabau di Sumatra, nonché i minahasa del Sulawesi. Nelle Molucche, le popolazioni costiere includono gli ambonesi, quelle dell’interno gli alfur. Nella provincia di Papua (sull’isola della Nuova Guinea), i papua indigeni dell’interno, favoriti dall’isolamento, hanno mantenuto una cultura propria, mentre i papua della costa presentano strette affinità etnico-culturali con i vicini popoli melanesiani.

Il maggior gruppo non autoctono è quello cinese; questa comunità ha sviluppato usanze e dialetti distinti, ha storicamente dominato il settore finanziario e vive soprattutto nelle aree urbane. La popolazione olandese è scesa da 60.000 a meno di 10.000 unità.

L’Indonesia è il quarto stato più popoloso del mondo (dopo Cina, India e Stati Uniti), con 237.512.360 abitanti e una densità media di 130 unità per km². Circa la metà degli indonesiani vive a Giava, Madura e Bali, che sono tra le aree più densamente popolate del mondo; il 52% della popolazione vive in insediamenti rurali. Nello sforzo di controllare la sovrappopolazione sulle isole maggiori, il governo ha introdotto nel 1969 una politica di migrazione interna, o transmigrasi, criticata in quanto può minacciare la sopravvivenza delle culture tradizionali delle isole minori. La speranza di vita nel 2008 era di 73,1 anni per le donne e di 68 anni per gli uomini.

Il paese è suddiviso in 32 fra province e distretti: Aceh, Bali, Banten, Bengkulu, Celebes Centrale, Celebes Meridionale, Celebes Settentrionale, Celebes Sudorientale, Giakarta, Giava Centrale, Giava Occidentale, Giava Orientale, Gorontalo,

Isole della Sonda Occidentali, Isole della Sonda Orientali, Jambi, Kepulauan Bangka Belitung, Kepulauan Riau, Kalimantan Centrale, Kalimantan Meridionale, Kalimantan Occidentale, Kalimantan Orientale, Lampung, Maluku, Maluku Utara, Papua (già Irian Jaya), Riau, Sumatra Meridionale, Sumatra Occidentale, Sumatra Settentrionale, Yogyakarta.

Le tre maggiori città dell’Indonesia si trovano sull’isola di Giava: Giacarta è la capitale e il maggiore centro commerciale, culturale e amministrativo del paese. Bandung è un centro industriale e culturale di rilievo; l’economia della città si basa inoltre sulle circostanti coltivazioni di riso. Surabaya, porto e capoluogo di Giava Timur, è la terza città dell’Indonesia. Medan è la più grande città di Sumatra Utara; il centro commerciale di Palembang è la seconda città dell’isola. Ujung Pandang è il maggior

Imbarcazioni indonesiane
Imbarcazioni indonesiane. Encarta
porto di Celebes, e Banjarmasin la più grande città del Borneo indonesiano. Altre grandi città sono Malang, Yogyakarta e Surakarta a Giava, Padang a Sumatra, Kupang a Timor; la più grande città delle Molucche è Ambon, sull’isola di Amboina. "Indonesia," Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.
Ricerca personalizzata