Fotografie
La monarchia costituzionale del Portogallo
Fotografie Portogallo

Nel 1820 l’esercito portoghese guidò una rivolta tesa a ottenere la formazione di un governo costituzionale e Giovanni accettò di ritornare in Portogallo nel ruolo di monarca, nominando il figlio Pietro reggente del Brasile. Nel 1822 il Brasile proclamò l’indipendenza e Pietro ne divenne imperatore con il nome di Pietro I. Nel 1826 Pietro I succedette al trono del Portogallo come Pietro IV; egli promulgò una carta costituzionale che prevedeva un regime parlamentare, basato sull’autorità della monarchia e non sulla volontà popolare, quindi abdicò in favore della figlia, Maria II, una bambina di 7 anni.

 

Seguì un periodo di accese lotte civili che terminò, nel 1834, con il ritorno al trono di Maria II, il cui regno venne caratterizzato dal conflitto politico che opponeva i liberali, sostenitori della Costituzione del 1822, ai cartisti, sostenitori della Carta del 1826. Durante i regni di Pietro V (1853-1861) e di Luigi I (1861-1889) vennero effettuate alcune riforme, tra le quali l’abolizione della schiavitù nelle colonie e la redazione di un codice civile.
La Repubblica

Durante il regno di Carlo I i movimenti repubblicani e radicali andarono aumentando; inoltre la nomina di João Franco, un agguerrito antirepubblicano, a primo ministro (1906) esacerbò la situazione e accrebbe consenso ai repubblicani. Nel 1908 Carlo I e il suo primogenito furono assassinati e ascese al trono il secondogenito, con il nome di Manuele II; tuttavia, il grado di corruzione raggiunto durante il nuovo regno fu tale da provocare, nell’ottobre del 1910, una rivoluzione guidata dall’esercito, che depose il sovrano e instaurò la repubblica.

Nel 1911 venne promulgata la Costituzione, che stabiliva peraltro la separazione tra Chiesa e Stato. Manuel José de Arriaga venne eletto primo presidente della Repubblica portoghese.

Nei seguenti quindici anni il Portogallo visse un periodo di instabilità politica, con governi che rimanevano in carica per periodi assai brevi.

Nel corso della prima guerra mondiale, in seguito all’occupazione tedesca di alcune colonie, il Portogallo sequestrò le navi tedesche nella baia di Lisbona, provocando così la dichiarazione di guerra della Germania (9 marzo 1916). Le truppe portoghesi combatterono in Francia e in Africa e, durante il conflitto, non cessarono i disordini interni e le turbolenze politiche. Nel maggio del 1926 un colpo militare depose il quarantesimo governo dalla proclamazione della repubblica. Pochi giorni dopo la loro vittoria, i leader militari scelsero, per presiedere il nuovo governo, il generale António de Fragoso Carmona, che nel 1928 venne nominato presidente attraverso elezioni in cui era l’unico candidato. Nello stesso anno egli nominò ministro delle finanze António de Oliveira Salazar, professore di economia dell’Università di Coimbra.

"Portogallo," Microsoft® Encarta

Manuele II di Braganza
Manuele II di Braganza. Encarta
Ricerca personalizzata