Fotografie per taccuino fotografico
L'industria norvegese
Immagini Norvegia

La Norvegia è il principale produttore di petrolio dell’Europa occidentale, con 1,04 miliardi di barili nel 2004; l’esportazione di petrolio costituisce il 63,6% (2004) delle esportazioni totali. Il paese avviò le prime estrazioni petrolifere nel 1971, e nel 1974 venne completato l’oleodotto per il trasporto del greggio fino a Teesside, nell’Inghilterra centrorientale.

Altra importante risorsa mineraria è il gas naturale: nel 2003 il paese ne ha prodotti 73,4 miliardi di m³. Altri prodotti minerari sono il ferro, il carbone, lo zinco, le piriti, i concentrati di piombo, il titanio e il rame. I principali giacimenti di ferro si trovano a Fossdalen, Rausand, Sydvaranger, vicino al confine con la Russia. Nell’arcipelago delle Svalbard sono presenti alcuni giacimenti di carbone. La Norvegia è tra i primi produttori di energia idroelettrica del mondo (105,6 miliardi di kWh nel 2003).

Il settore industriale contribuisce per il 44,9% alla formazione del PIL annuo, impiegando il 21% della forza lavoro. Disponendo di energia elettrica in grandi quantità e a costi contenuti, il settore industriale è sviluppato soprattutto nella siderurgia e nella metallurgia, i cui processi produttivi richiedono abbondanti risorse energetiche.

Il settore cantieristico, un tempo fiorente, entrò in crisi verso la fine degli anni Settanta, quando l’industria conobbe un periodo di recessione che costrinse molti cantieri navali a diversificare la produzione verso il settore dei macchinari per l’estrazione di petrolio e di gas off-shore. Oggi i comparti di rilievo sono quelli meccanico, tessile, alimentare e della produzione e lavorazione della carta.

"Norvegia," Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.
Miniera in Norvegia
Miniera in Norvegia. Encarta
Ricerca personalizzata