Fotografie per taccuino fotografico
L'industria ed il commercio dell'Australia
Immagini Australia

Dopo la seconda guerra mondiale il potenziale industriale dell’Australia ha conosciuto una notevole crescita, grazie all’introduzione di nuove produzioni e allo sviluppo di quelle esistenti. Nel 2004 l’industria manifatturiera partecipava per l’12,4% alla formazione del prodotto interno lordo, mentre l’intero comparto industriale ne forniva il 27%, assorbendo il 21% della forza lavoro.

Il Nuovo Galles del Sud, soprattutto Sydney e Newcastle, e lo stato di Victoria, in particolare l’area metropolitana di Melbourne, sono i principali centri industriali. Nel Nuovo Galles del Sud sono particolarmente sviluppate l’industria siderurgica e metallurgica, meccanica, in particolare il settore aeronautico, elettronica e petrolchimica, e la produzione di fibre sintetiche e di cavi elettrici. A Melbourne rilevanti sono la produzione e l’assemblaggio di macchinari e autoveicoli, l’industria alimentare e quella delle confezioni. Geelong, vicino a Melbourne, è nota per i suoi lanifici e per l’industria automobilistica. In Australia Meridionale, la cui economia è stata tradizionalmente di tipo agricolo e pastorale, si è assistito dopo il 1950 allo sviluppo di numerosi e importanti centri manifatturieri, tra cui Adelaide e Whyalla.

Anche Brisbane e Townsville, nel Queensland, sono importanti distretti industriali. In Tasmania, sostenute da un potenziale idroelettrico a basso costo, si sono sviluppate l’industria metallurgica, con impianti di produzione per elettrolisi dello zinco, l’industria della carta e degli alimenti. I principali centri industriali dell’isola sono Hobart e Launceston.

Incoraggiato dallo sviluppo delle comunicazioni aeree di lunga distanza, il turismo ha conosciuto un rapido incremento dal 1970 e rappresenta oggi uno dei settori più dinamici dell’economia australiana; nel 2006 vi furono 5,06 milioni di arrivi.

Alla fine degli anni Novanta il 40% circa degli scambi commerciali dell’Australia si svolgeva con Giappone e Stati Uniti. Altri importanti mercati di esportazione sono Nuova Zelanda, Gran Bretagna, Germania, Canada, Cina, Corea del Sud, Italia e Papua Nuova Guinea; in Asia, inoltre, si stanno sviluppando nuovi mercati.

I prodotti di importazione provengono invece, oltre che da Giappone e Stati Uniti, in gran parte da Gran Bretagna, Germania, Taiwan, Hong Kong, Canada e Nuova Zelanda; vengono importati principalmente macchinari, autoveicoli, prodotti chimici, metalli non ferrosi, carta e cartone, tessuti e filati. Le esportazioni sono soprattutto rappresentate da minerali metalliferi, carbone, metalli non ferrosi, petrolio, lana e cereali. Nel 2004 il valore totale delle esportazioni ammontava a 97.138 milioni di $ USA, mentre il valore delle importazioni era di 105.461 milioni di $ USA.

L’unità monetaria è il dollaro australiano, diviso in 100 cents. La prima banca australiana fu fondata a Sydney nel 1817; la Banca centrale australiana (Reserve Bank of Australia), fondata nel 1911, è la banca centrale che emette moneta.
Minera Australia
Miniera Australia

La rete ferroviaria è stata realizzata quasi interamente nel corso del XIX secolo, per servire i commerci tra le numerose colonie e la Gran Bretagna; le linee, di conseguenza, sono strutturate a raggiera, dai porti verso l’interno, con scarse comunicazioni attraverso il paese. La rete ferroviaria, gestita dal governo federale, si estende per 9.528 km.
La rete stradale principale ha una struttura analoga a quella delle linee ferroviarie, collegando principalmente i porti e le capitali degli stati; si estende per 810.200 km, dei quali il 39% è asfaltato. Nel 1997 erano immatricolati oltre 12 milioni di autoveicoli (pari a 601 veicoli per 1.000 abitanti).

Un’efficiente rete di linee aeree collega le principali città e le zone più remote. A causa delle grandi distanze che separano i centri urbani, le vie di comunicazione aeree sono molto utilizzate; i principali aeroporti nazionali e internazionali si trovano a Sydney (Kingsford Smith) e a Melbourne (Tullamarine); anche gli altri capoluoghi, nonché la città di Cairns, hanno aeroporti internazionali.

"Australia" Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2008
http://it.encarta.msn.com © 1997-2008 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.