Fotografie per taccuino fotografico
Immagini del Vietnam
Le istituzioni politiche in Belgio
Immagini Belgio

Ottenuta l’indipendenza dai Paesi Bassi nel 1830, il Belgio divenne, con la Costituzione promulgata nel 1831, una monarchia costituzionale ereditaria di tipo parlamentare. L’ultimo emendamento alla Costituzione (1993) ha conferito al Belgio un assetto istituzionale federale al quale fanno capo tre regioni (le Fiandre, la Vallonia e la capitale Bruxelles) e le tre comunità linguistiche del paese (francofoni, fiamminghi e germanofoni).

Il monarca è capo dello Stato, ha la facoltà di convocare e sciogliere il Parlamento e nomina il capo del governo. È comandante in capo delle Forze armate e, con l’approvazione del Parlamento, ha il potere di dichiarare guerra e di concludere trattati. Il governo federale è composto, oltre che dal primo ministro, da sette ministri francofoni e sette fiamminghi.

Il sistema legislativo è basato su un Parlamento federale bicamerale che comprende un Senato (fiammingo Senaat; francese Sénat) di 71 membri che restano in carica per quattro anni (di cui 40 eletti attraverso un sistema di rappresentanza proporzionale e 31 dalle tre comunità linguistiche) e una Camera dei rappresentanti (fiammingo Kamer van Volksvertegenwoordigers; francese Chambre des Représentants) di 150 membri eletti attraverso un sistema proporzionale per un mandato di quattro anni. Hanno diritto al voto tutti i cittadini a partire dai 18 anni di età.

Il sistema giudiziario prevede una Corte Suprema i cui giudici sono nominati a vita dal sovrano. La pena di morte è stata abolita nel 1996.

Il Belgio comprende tre regioni, dotate di ampia autonomia e di propri parlamenti, suddivise in dieci province. Il servizio militare obbligatorio è stato abolito nel 1995. Il personale militare, che nel 2004 contava 36.900 effettivi, è interamente professionale.

Le principali forze politiche, espressione delle due principali comunità linguistiche presenti nel paese, la francese e la fiamminga, sono: i Liberali e democratici fiamminghi (Vlaamse liberalen en democraten, VLD); il Partito cristiano popolare e fiammingo (Christen-Democratisch & Vlaams, CVP);

Leopoldo III
LEopoldo III Encarta
il Partito socialista fiammingo (Socialistische partij, SP) e francofono (Parti Socialiste, PS), i Verdi fiamminghi (Anders Gaan Leven, AGALEV) e francofoni (Ecologistes confédérés pour l’organisation de luttes originales, ECOLO). Negli ultimi anni nella comunità fiamminga si è affermato un partito di estrema destra xenofobo e separatista, il Blocco Fiammingo (Vlaams Blok), ribattezzato nel 2005 Interesse fiammingo (Vlaams Belang). "Belgio" Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2008 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.
Ricerca personalizzata