Fotografie per taccuino fotografico
L'economia della Siria
Immagini Siria

Il prodotto interno lordo della Siria, paese in parte dipendente dagli aiuti economici degli stati arabi grandi produttori di petrolio, era nel 2006 di 33.407 milioni di dollari USA, pari a 1.721,30 dollari USA pro capite. L’economia del paese è tradizionalmente basata sull’agricoltura, Un’altra fonte di ricchezza è costituita dall’artigianato, rinomato per la squisita fattura di tessuti di seta, tappeti e oggetti in ottone, rame, argento e acciaio.

Il settore primario impiega il 30% della popolazione attiva e fornisce il 18,3% del PIL (2006). Il territorio coltivabile costituisce il 26,5% del totale; è irrigato però solo per il 7,3% e i grandi appezzamenti soffrono per la mancanza d’acqua. Un progetto per il miglioramento dell’irrigazione nella valle dell’Eufrate porterà in breve tempo a un aumento cospicuo del terreno coltivato. Oltre al clima arido, le coltivazioni del paese soffrono per lo scarso uso di fertilizzanti e per il limitato ricorso alla pratica della rotazione delle colture. I prodotti principali sono i cereali (frumento e orzo), oltre a cotone, tabacco, uva, olive, agrumi e ortaggi. Anche l’allevamento – principalmente di pecore, capre, bovini, asini, cavalli e pollame – è un’attività molto praticata.

Le riserve minerarie del paese consistono in petrolio, gas naturale, fosfati, salgemma e amianto, estratti in quantità sufficienti anche per l’esportazione – i combustibili costituiscono il 71,3% (2003) delle esportazioni. Nelle regioni montuose sono inoltre presenti giacimenti di carbone, ferro, rame, piombo e oro. Il 41% (2003) dell’elettricità è prodotto da impianti idroelettrici; il rimanente 59% da centrali termiche.

"Siria," Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.

Agricoltura della Siria
Agricoltura della Siria. Encarta
Ricerca personalizzata