Fotografie
Storia dell'Asia : I principali stati dell'antichità
Fotografie Asia

I secoli che vanno dal 500 a.C. al 600 d.C. videro l’espansione delle civiltà di cui si è parlato finora. Sovrani come Alessandro Magno favorirono gli scambi tra le diverse culture. Gli aggressivi nomadi della Manciuria, con le loro invasioni, provocarono movimenti di popolazioni e tribù, che ebbero come conseguenza i contatti fra le varie civiltà. Nel V secolo d.C. le principali religioni e filosofie del mondo, a eccezione dell’Islam, si erano spinte ben oltre i loro luoghi d’origine.

 

Interazioni culturali

Fra i primi a nutrire mire espansionistiche, Ciro il Grande unificò i popoli di stirpe iranica nel regno di Persia. Creò poi l’impero persiano achemenide (550-330 a.C.), che diffuse la civiltà persiana dal Mediterraneo al fiume Indo. Il terzo sovrano achemenide, Dario I, centralizzò il governo dell’impero e sostenne il culto zoroastriano di Ahura-Mazda, dio della luce.

Nel 330 a.C. l’impero persiano era stato conquistato da Alessandro Magno, che sognava di fondere le civiltà orientale e occidentale. Sebbene la morte precoce di Alessandro ne interrompesse i progetti, i suoi generali nutrirono di cultura greca tre regni che sorsero dal suo impero. I Seleucidi regnarono sulle regioni asiatiche, che presto si smembrarono in diversi stati.

Di questi, la Battriana era al crocevia delle rotte commerciali est-ovest e nord-sud, attraverso le quali la seta cinese e il cotone indiano venivano scambiati in Grecia e a Roma con vetro, manufatti e oro. Elementi della civiltà greca presero così, tramite la Battriana, la via dell’Asia. Anche dopo la conquista della Battriana da parte di tribù nomadi dell’Asia centrale, l’influsso della cultura ellenistica prevalse, tanto che i nuovi sovrani Kushan la assimilarono. Nel I secolo d.C., il greco era la lingua internazionale degli affari e della diplomazia. In questo periodo i romani ellenizzati si erano stabiliti nell’Asia occidentale, dove sarebbe sorto in seguito l’impero romano d’Oriente.

L’influsso greco permase a lungo, anche dopo il declino dei Seleucidi, quando gran parte dell’Asia sudoccidentale e centrale e l’India

Dario I
Dario I. Encarta
settentrionale furono dominate dapprima dai parti sotto la dinastia degli Arsacidi (250 a.C.-226 d.C.) e poi dai persiani sasanidi (224-636 d.C.), che diffusero la cultura persiana in queste regioni: vesti e cosmetici femminili, ad esempio, furono imitati in tutta l’Asia, mentre gli influssi dell’architettura, dell’arte e della religione persiane si spingevano verso oriente e verso occidente. "Asia," Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.
Ricerca personalizzata