Fotografie
Arte in Spagna : l'ottocento e il novecento in Spagna : architettura
Fotografie Spagna

Analogamente a quanto avvenne negli altri paesi europei, per quasi tutto l’Ottocento l’architettura spagnola fu attraversata, anche se con risultati di scarso interesse, da vari tentativi di recupero dei modelli passati. Tra il 1880 e il 1920 si assistette tuttavia alla fioritura di una variante nazionale di Art Nouveau (detta Stile jóven o modernista), che ebbe il suo principale centro di irraggiamento a Barcellona, con l’opera di Antoni Gaudí. Il disegno e gli ornamenti stravaganti delle sue costruzioni, come il Palazzo (1885-1889) e il Parco Güell (1900-1914), la Casa Batló (1905-1907), la Casa Milá (1905-1910) e la chiesa della Sagrada Familia, della quale ancora oggi si prosegue la costruzione sulla base del suo progetto, fanno di Gaudí uno degli architetti europei più originali del suo tempo.

 

Benché nessuno sia riuscito a eguagliare gli esiti di Gaudí, Barcellona continuò a essere un terreno fertile per lo sviluppo dell’architettura spagnola moderna. Gli spagnoli vennero a contatto con lo Stile Internazionale nel 1929, in occasione dell’Esposizione Internazionale di Barcellona, nell’ambito della quale fu eretto il grandioso padiglione tedesco ideato da Ludwig Mies van der Rohe, ma ogni tentativo di sperimentazione in campo architettonico venne bloccato nel 1936 dallo scoppio della guerra civile. Nel dopoguerra il più noto architetto spagnolo fu forse Ricardo Bofill, che si affermò negli anni Settanta grazie a progetti edilizi popolari, per i quali ricorse a mattoni e altri materiali poveri. In seguito costruì molto in Francia seguendo i canoni dello stile postmoderno.

Tra gli architetti dell’ultima generazione si segnala Santiago Calatrava, le cui opere mostrano una versatilità che gli ha permesso di esprimersi in diversi contesti, quali la progettazione del ponte Bach de Roda a Barcellona (1987) e di quello di Alamillo a Siviglia (1992), o la vittoria nel concorso per la ristrutturazione del Reichstag di Berlino (1993). In tutti i suoi progetti, tra i quali si ricordano anche la stazione ferroviaria di Stadelhofen a Zurigo (1990) e il padiglione del Kuwait all’esposizione di Siviglia (1992), Calatrava ha saputo fondere arte, architettura e ingegneria in un unico sistema coerente.

"Arte Spagna," Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.

Calatrava: ponte dell’Alamillo, Siviglia
Calatrava: ponte dell’Alamillo, Siviglia. Encarta
Ricerca personalizzata