Fotografie
Cultura ed arte in Cina da 1279 a 1368
Fotografie Cina

L’invasione mongola della Cina determinò profondi mutamenti anche nelle arti. Nonostante i regnanti stranieri dimostrassero di voler perpetuare la cultura classica autoctona, quasi tutti gli artisti si ritirarono dalla corte. Si impose, dunque, e si diffuse, la pittura wen-jen hua dei dilettanti aristocratici. Le innovazioni stilistiche e tecniche avevano ora origine al di fuori della tradizione accademica, che non riuscì più a raggiungere i livelli di raffinatezza del periodo meridionale della dinastia Sung.

 

Pittura e calligrafia

I pittori wen-jen adottarono stili pittorici più vivaci e decisi di quelli degli artisti Sung meridionali. Risalgono alla dinastia Yuan paesaggi con vivide raffigurazioni di rocce e alberi, non più velati e circondati dalle nebbie tanto usate dalla scuola Ma-Xia per suggerire la profondità e l’infinitezza. Nelle vedute furono introdotte zone di colore e varietà di pennellate che sembravano ispirate all’opera dei primi paesaggisti dell’epoca Tang. Massimi interpreti del nuovo stile furono i cosiddetti “quattro grandi maestri Yuan”.

La calligrafia divenne estremamente popolare durante la dinastia Yuan. Insieme alla poesia e alla musica, era considerata una componente importante dell’educazione scolastica aristocratica; saggi di scrittura venivano comunemente donati agli amici per celebrare un’occasione o per assolvere debiti di ospitalità.

Diversi furono gli stili dei caratteri, dai glifi arcaici, ispirati ai manufatti bronzei, alle varietà assimilabili all’esperienza dei pittori Zen.
Porcellana

La corte mongola incoraggiò i progressi nel campo delle tecniche di produzione della porcellana. Verso la metà del XIV secolo furono realizzati i primi pezzi a noi pervenuti di porcellana decorata con colori stesi sotto l’invetriatura. La tecnologia necessaria alla realizzazione di porcellane raffinate era nota e applicata da lungo tempo, ma l’uso di decorazioni colorate era molto limitato, poiché i pigmenti in grado di resistere alle altissime temperature erano molto rari. Durante l’epoca Yuan i ceramisti scoprirono che il cobalto macinato produceva un pigmento nerastro, che poteva essere sciolto nell’acqua e applicato sulla base bianca prima della cottura; durante il passaggio nella fornace esso assumeva un’intensa colorazione blu. Questa innovazione diede inizio alla celebre tradizione della porcellana bianca e blu, che per secoli venne venduta sia sul mercato locale, sia nei paesi musulmani ed europei. Veniva utilizzato nello stesso modo anche l’ossido di rame, che si trasformava in un sottosmalto di colore rosso.

"Cina," Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.

La calligrafia cinese è un'arte basata sul respiro, sulla padronanza di sé e sul senso dello spazio
La calligrafia cinese. Encarta
Ricerca personalizzata