Fotografie
Gotico nell'arte britannica
Fotografie Regno Unito

L’architettura gotica inglese, inizialmente derivata da quella francese, sviluppò presto caratteristiche proprie. Esempio della transizione è la cattedrale di Canterbury, cominciata nel 1174 dal francese Guglielmo di Sens e terminata entro il 1184. Lo stile autoctono si manifesta pienamente nelle cattedrali di Lincoln e di Wells e si differenzia da quello francese perché gli edifici sono più bassi e lunghi, hanno absidi quadrate e non poligonali, e transetto prominente.

 

Il gotico inglese è diviso in tre fasi: early (dalla fine del XII secolo), decorated (dalla fine del XIII secolo) e perpendicular (XIV-XVI secolo).

Tipica della prima fase è la cattedrale di Salisbury, mentre lo stile decorated è ravvisabile nella Lady Chapell della cattedrale di Ely (1321) e manifesta una preferenza per una ornamentazione ricchissima. Lo stile perpendicular, ben ravvisabile nel coro della cattedrale di Gloucester, nacque come tentativo di contenere l’eccessivo decorativismo dello stile precedente. È in questa fase che venne creata la volta a ventaglio, un’elaborazione della volta a costoloni nella quale l’incrocio delle costole forma un motivo a intreccio. Alcune chiese avevano coperture lignee, in qualche caso elaborate come quella della chiesa parrocchiale di March (1500 ca.) nel Cambridgeshire, che è generata dalle ali spiegate di un angelo intagliato.

I castelli, tipologia assai sviluppata in epoca gotica, sono localizzati soprattutto nel Northumberland dove la minaccia di un attacco dalla Scozia era costante.

Le fortificazioni più imponenti sono quelle costruite per volere di Edoardo I in occasione delle guerre gallesi (1277-1295) a Beaumaris, Conwy, Caernarfon, Harlech. La forza del castello non si concentrava più solo nella torre centrale, i muri erano più alti e spessi e l’intero edificio diveniva un’unità difensiva cui concorrevano le diverse parti. Verso la fine del Medioevo, l’architettura civile si affermò nella tipologia del maniero fortificato anche se non destinato a resistere ad assedi armati. Alla fortuna di questo tipo di edifici concorse la crescente diffusione del mattone, introdotto nell’Inghilterra orientale dalla Germania nel XIV secolo. Finestre più larghe divennero comuni nelle architetture di questo periodo.

L’affermazione della scultura si legò allo sviluppo dell’architettura sotto il forte influsso dell’arte francese. La facciata della cattedrale di Wells (seconda metà del XIII secolo) ha un impianto monumentale e nelle pose delle statue rivela un notevole interesse per la rappresentazione realistica del corpo umano, pur senza raggiungere i livelli della scultura francese coeva. Deciso impulso ebbe la scultura tombale così come quella decorativa legata agli edifici religiosi, che usava materiali allora assai diffusi come l’alabastro. Pochissimo della pittura murale sopravvive: i preziosi frammenti della fine del XIV secolo conservati nella cappella di Santo Stefano nell’abbazia di Westminster e i monocromi a grisaille di William Baker nella cappella del College di Eton,

Cattedrale di Salisbury, Inghilterra
Cattedrale di Salisbury, Inghilterra. Encarta
che rivelano una marcata influenza fiamminga. Ma i dipinti più importanti del periodo sono il polittico di Westminster (1280 ca., abbazia di Westminster, Londra) e il dittico Wilton (inizio del XIV secolo, National Gallery, Londra,) in stile gotico internazionale. "Arte britannica," Microsoft® Encarta® Enciclopedia Online 2009
http://it.encarta.msn.com © 1997-2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.
Ricerca personalizzata